#FakePikeFakePike è un aggregatore di notizie su fake news etc.
Il suo scopo è esclusivamente di massimizzare la diffusione del lavoro di tante persone che ogni giorno cercano di combattere contro la disinformazione.


 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

Questo blog condivide (senza alcuno scopo di lucro, anzi spendendo) articoli di altri blog che ovviamente sono i legittimi proprietari di tali contenuti. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vi invitiamo a comunicarcelo via email a fakepike[at]rebusmultimedia.net e saranno immediatamente rimossi. L’autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere anche soggetto a variazioni nel tempo.

 


 

Queste sono le fonti che abbiamo deciso di condividere su Fake Pike:

ITALIANE:

ANSA.it​ (https://www.ansa.it)
Adotta anche tu un analfabeta funzionale (https://analfabetifunzionali.it)
Bufale (https://www.bufale.net)
BUTAC – Bufale un tanto al chilo (https://www.butac.it)
Dottore, ma è vero che? (https://dottoremaeveroche.it)
Facta (https://facta.news)
Internazionale (https://www.internazionale.it/)
Openpolis​ (https://www.openpolis.it)
Patto Trasversale per la Scienza – PTS (https://pattoperlascienza.it)
Pagella Politica (https://www.pagellapolitica.it)

Valigia Blu (https://www.valigiablu.it)

 

La lista verrà aggiornata via via.

Lamberto Salucco


Art. 656 – Pubblicazione o diffusione di notizie false, esagerate o tendenziose, atte a turbare l’ordine pubblico

1. Chiunque pubblica o diffonde notizie false, esagerate o tendenziose, per le quali possa essere turbato l’ordine pubblico, è punito se il fatto non costituisce un più grave reato, con l’arresto fino a tre mesi o con l’ammenda fino a euro 309 (1).

(1) Ammenda così aumentata ai sensi dell’art. 113, L. 689/1981.

 

Il reato di pubblicazione o diffusione di notizie false, esagerate o tendenziose, atte a turbare l’ordine pubblico (art. 656), è un reato di pericolo, sicché nulla rileva, ai fini della sua esclusione, il fatto che non si sia verificato alcun turbamento dell’ordine pubblico, essendo sufficiente che vi fosse un’astratta possibilità che un tale turbamento in effetti si verificasse (Sez. 1, 9475/1997).